L’importanza dei sali minerali

Cosa sono i sali minerali e relative funzioni

I sali minerali sono sostanze inorganiche che svolgono funzioni essenziali per la vita dell’uomo. Partecipano, infatti, a processi cellulari di fondamentale importanza come la formazione di denti e ossa, sono coinvolti nella regolazione dell’equilibrio idro-salino, nell’attivazione di numerosi cicli metabolici e costituiscono fattori determinanti per la crescita e lo sviluppo di tessuti e organi.

A differenza di carboidrati, lipidi e proteine, i sali minerali non forniscono direttamente energia, ma la loro presenza rende possibili reazioni che liberano l’energia necessaria per l’organismo.

Fonti di sali minerali

Gli esseri viventi non sono in grado di sintetizzare autonomamente nessun tipo di sale minerale: possono essere unicamente assimilati attraverso l’acqua, gli alimenti, oppure attraverso l’utilizzo di integratori specifici. I sali minerali ricoprono, dunque, un ruolo indispensabile nel funzionamento di tutti gli organismi viventi, animali, vegetali, funghi e organismi più semplici: per questo motivo sono anche definiti “minerali essenziali” (o elementi essenziali).

Per quanto riguarda l’alimentazione, diversamente dalle vitamine, i sali minerali non si alterano o disattivano durante la cottura o il riscaldamento degli alimenti. Inoltre, a differenza di lipidi, proteine e carboidrati il fabbisogno giornaliero di sali minerali è minimo. Tuttavia è opportuno ricordare che i sali minerali vengono costantemente eliminati con sudore, urine e feci, di conseguenza devono essere assunti con una corretta alimentazione ed integrati con prodotti specifici, soprattutto durante la stagione estiva.

Una dieta mista, comprendente varie porzioni di frutta, verdura, cereali, corrette quantità di carne e pesce, è in grado di per sé di fornire i sali minerali necessari per il fabbisogno giornaliero dell’organismo. Per soddisfare il fabbisogno di sali minerali occorre però consumare tutti i gruppi alimentari (cereali, carne, pesce, uova, latte e derivati, legumi, semi e frutta secca a guscio, frutta e verdura fresche), variandoli per qualità e bere almeno 1,5-2 litri di acqua al giorno. È necessario, inoltre, considerare un reintegro di sali minerali costante poiché, come detto in precedenza, l’organismo non conserva i minerali in eccesso.

Per quanto un regime alimentare bilanciato e variato nella qualità dei nutrienti sia di per sé sufficiente per soddisfare le richieste di sali minerali, per molti di essi si può facilmente andare incontro a sindromi da carenza, soprattutto in condizioni fisiologiche particolari come la gravidanza o  in presenza di patologie specifiche.

Ricordo, inoltre, che i moderni processi di lavorazione alimentare portano sempre più all’ottenimento di alimenti poveri dal punto di vista nutrizionale, benché ricchi di zuccheri e grassi.

Sottolineo, infine, come lo stress e i ritmi della vita moderna portano abitualmente a consumare cibi veloci fuori casa trascurando le caratteristiche organolettiche dei nostri pasti. In aggiunta la stagione estiva o comunque elevate temperature, attività sportiva medio-intensa, sudorazione, comportano una continua perdita di sali minerali dall’organismo, anche se correttamente introdotti con la dieta.

Iscriviti alla newsletter, 10% di sconto!

Appare chiaro, quindi, come la sola alimentazione non sia più garanzia di un bilanciato apporto di sali minerali e come questi ultimi debbano essere periodicamente integrati con prodotti specifici per il benessere dell’organismo.

Classificazione dei sali minerali

In base al fabbisogno, i sali minerali possono essere suddivisi in:

  • macroelementi: presenti nell’organismo in quantità discrete. Il fabbisogno giornaliero è dell’ordine di grammi o decimi di grammo;
  • oligoelementi o microelementi: sono presenti solo in tracce nell’organismo e il fabbisogno giornaliero risulta compreso tra qualche microgrammo ad alcuni milligrammi.

Nella classe dei macroelementi fanno parte:

  • il magnesio (contenuto nelle noci, mandorle, cereali, legumi, carne, latte);
  • il calcio (contenuto nel latte e derivati, ortaggi a foglia verde, noci, legumi, pesce);
  • il potassio (cereali, ortaggi, legumi, frutta secca).

Tra i microelementi/oligoelementi i principali sono:

  • lo zinco (contenuto nella carne, verdura cruda, noci);
  • il ferro (contenuto nel tuorlo d’uovo, molluschi, ortaggi a foglia verde).

Effetti benefici dei sali minerali

Appare chiaro, quindi, che per condurre uno stile di vita sano sia necessario assumere e integrare il giusto quantitativo di sali minerali. In tal modo il nostro organismo può trarre beneficio di tutte le proprietà uniche ed indispensabili di questi insostituibili micronutrienti.

Gli effetti benefici dei sali minerali sono innumerevoli, ricordo ad esempio:

  • il potassio aiuta la funzionalità del sistema nervoso, contribuisce alla normale funzione muscolare, regola il bilancio idro-salino, sostiene numerosi processi biochimici;
  • il magnesio interviene nel funzionamento del sistema nervoso e muscolare, contribuendo a ridurre stanchezza ed affaticamento, promuove numerose funzioni metaboliche, interviene nel benessere cardio-circolatorio;
  • lo zinco contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo;
  • il calcio favorisce una corretta contrazione della muscolatura, presiede alla struttura di ossa e denti e alla produzione di numerosi ormoni.

Effetti negativi da carenza di sali minerali

I rischi più comuni dovuti alla carenza di sali minerali sono: disidratazione, calo di concentrazione e prestazione fisica, dolori muscolari generalizzati, stanchezza e spossatezza. Ritengo, dunque, sia necessario prestare particolare attenzione al mantenimento di un adeguato equilibrio idrosalino, assumendo costantemente questi preziosi nutrienti e provvedendo alla loro integrazione soprattutto durante la stagione estiva o in caso di prestazioni sportive intense, elevata sudorazione, viaggi in ambienti caldi, consumo di pasti non bilanciati.

I nostri consigli

Dalla mia esperienza di farmacista sottolineo che sono disponibili sul mercato diversi tipi di prodotti contenenti sali minerali. È possibile acquistare prodotti specificatamente formulati per l’integrazione di soli sali minerali, in particolare magnesio e potassio, quali ad esempio Polase, Supradyn Magnesio e Potassio, Sustenium Magnesio e Potassio, Energya Papaya, Magnosol.

In commercio sono altresì disponibili integratori contenenti unicamente potassio o unicamente magnesio come ad esempio Magnesio Supremo, Mag Ricarica 24, Solgar Oligo Mag Plus, Magstar. Qualora sia necessario integrare l’intera gamma di vitamine e sali minerali è preferibile l’assunzione di integratori multivitaminici-multiminerli quali Multicentrum, presente sul mercato in diverse formulazioni specifiche per uomo donna o bambino e differenti anche in base all’età, Supradyn con diverse formulazioni adatte anche ai più piccoli o i prodotti della linea Swisse, arricchiti di estratti di erbe naturali oltre a vitamine e minerali.

Infine ricordo che, a seconda della gravità dei sintomi e nei casi di particolare stanchezza fisica, spossatezza e astenia, è possibile optare per integratori tonico-energetici quali Sustenium Plus, Carnidyn Plus, Sustenium Energy Sport, Car-go, arricchiti di carnitina, carnitina e aminoacidi.

I prodotti della linea Friliver Sport sono, invece, specificatamente formulati per l’integrazione prima, dopo o durante l’attività sportiva, associando a vitamine e minerali anche sostanze energizzanti, aminoacidi o componenti specifici per il recupero muscolare e la riduzione dei tempi di recupero.

Conclusioni

Appare chiaro come i sali minerali siano elementi essenziali per l’organismo la cui integrazione non è sempre assicurata da una dieta sana, variata e bilanciata. In aggiunta, è opportuno ricordare che l’alimentazione moderna, i metodi di preparazione dei cibi, i ritmi di vita quotidiana e le modalità di consumo dei pasti spesso portino a trascurare le caratteristiche organolettici dei cibi, a favore di pasti già pronti, veloci da consumare, altamente appetibili, ma sicuramente troppo ricchi di zuccheri e grassi.

Ricordo, inoltre, che all’impoverimento di sali minerali nell’organismo concorrono anche altri fattori quali specifiche condizioni fisiologiche, l’attività sportiva, le alte temperature. Il mio consiglio è, quindi, quello di prestare attenzione alla corretta introduzione di sali minerali con l’alimentazione e alla relativa integrazione con prodotti specifici. Su Farmaestense.it un farmacista sempre a disposizione saprà consigliarvi verso il prodotto più idoneo alle vostre esigenze e a fornirvi informazioni approfondite relativamente ai diversi prodotti disponibili e alle relative differenze in composizione.

Dottoressa Vecchi Alessandra
Farmacista presso AFM Farmacie Comunali Ferrara

Hai trovato utile questo post? Votalo!
[Totale: 2 Media: 5]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su